Skip to content


Autonomia Francese anni 70: Tesi e Interviste (1 e 2)

E’ completa.

La tesi di Sebastien Schiffres [2004] sull’Autonomia Francese dal 1976 al 1984, completa dei 2 libretti di interviste è finalmente tradotta e impaginata (dal vostro fido Redcat 😛 ).

La rendo disponibile in formato “Brochure (resa) A5 Fronte Retro” (dovete solo stamparla, facendo attenzione ad impostare il Fronte Retro!).

A Colori e Qualità Alta:

Autonomia Francese – Brochure form A5 F-R – COLORI

Autonomia Francese – Interviste 1 – form A5 Brochure F-R – COLORI

Autonomia francese – Interviste 2 – form A5 Brochure F-R – COLORI

In Bianco e Nero in Bassa Qualità:

Autonomia Francese – Brochure from A5 F-R – B-N

Autonomia Francese – Interviste 1 – form A5 Brochure F-R – B-N

Autonomia francese – Interviste 2 – form A5 Brochure F-R – B-N

Tutti gli Infoshop sono pregati di scaricarseli alla qualità che più li aggrada e stamparseli!

Gli amici, pure :p

Cmq qualche copia la distribuirò anch’io personalmente.

(di seguito l’indice dei contenuti dei singoli libretti) Continued…

Posted in Creature, Materiali, Politica, Trans-linguismi.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , , , .


L’Autonomia francese tra il 1976 e il 1984

Dopo quasi un anno di lavoro (per la maggior parte notturno) ho finito la traduzione della tesi di Sébastien Schiffres sull’Autonomia francese degli anni ’70.

È con profonda soddisfazione e grandioso orgoglio che posso rilasciare i PDF frutto del mio lavoro di traduzione, apprendimento di Scribus e impaginazione.

Continued…

Posted in Creature, Materiali, Politica, Sociologia, Tempi Moderni, Trans-linguismi.

Tagged with , , , , , , , , .


Ancora del rap francese

MC: Calavera
Album: Co-Incidence vol. 1

MC: Calavera&Trauma
Album: Co-Incidence vol. 2
Anno: 2010

http://www.youtube.com/watch?v=zZGOE_RfE4A

MC: Collectif Mary Read
Album: Co-Incidence
Anno: 2010

Testo:
Faudra bien un jour qu’on venge la Rote Armée Fraktion
Faudra bien un jour qu’on se range derrière la réelle Direct Aktion
Sinon quoi ? Continuer à flipper car les keufs nous impressionnent
Quand ils auront tout fliqué, on pourra se finir dans l’alcool
Je crois pas que la révolution soit dans les drapeaux des partis ni dans les défilés des dimanches et des mardis
Ni dans l’imagerie de la Résistance ou de la commune de Paris
Non, on ira pisser sur vos tombes,
Celle de Besse et celle de Schleyer
On ira même poser des bombes sur le reichstag et tous les monuments où se décide votre terreur et vos tortures
Isolement, privation sensorielle,
Et d’Ormesson prônait même de buter Baader et les autres pour sauver un nazi
Et ce type encore aujourd’hui sur tous nos écrans officie
Faudra bien qu’un jour ca change
Que la peur change de camp, grâce a leurs armées, la violence est dans l’air du temps

http://collectifmaryread.free.fr/

Je parle pas de révolte
Je parle pas d’un feu de paille
Je parle pas de reforme
Pas changer quelques détails
Attaquer le système à sa source
Des mégapoles jusqu’à la brousse
En lutte perpétuelle contre l’empire
Les petites ondes font les fortes secousses

Faudra bien un jour qu’on la joue moins perso
Se soutenir un peu quand l’alerte sonne
Museler les traitres au chatterton
Faudra bien un jour qu’on reprenne ce qui est à personne,
De l espace public a la nature pour peut être qu’a tous, on en prenne soin
Faudra bien un jour qu’ils s’aperçoivent
Aussi nombreux qu’ils sont, que si on prend l’autre versant ce n’est pas sans se poser des questions
Quand tous s’auto persuadent, se contentent seulement de leur version autant y croire
On fait ce qu’il faut et pas sans péter des caissons
Élevé les pieds dans les tessons,
Chaque chemin en est pavé
On a retenu la leçon
De la vengeance, on a le son,
Aussi sur que chaud en a le sang,
Et si dans la verve on a le sens,
Faudra bien peut être bien qu’un jour, dans le vrai on ait l’essence
Esprit de révolte, renaissance
Que les femmes se sentent libres
Faudra bien un jour que les puissants se sentent seuls,
Faudra bien un jour que les démunis se sentent fort ensemble,
Faudra bien un jour la paix, faudra bien un jour…

//refrain

– Mais toutes ces manifs me paraissent tellement inutiles
– Ouais la révolte est devenue plus difficile. Avant il suffisait de fumer des joints et d avoir les cheveux long. Et la bonne société était vouée aux enfers. Et tout ce qui était subversif tu l’achètes aujourd’hui en magasin. Che Guevara en tee shirt ou bien les pin’s anarchiste
– Oui exact, et chez les jeunes y a plus de mouvement contestataire parce que nous avons le sentiment que tout ca a été fait avant. Avant nous d autre ont essayer et ca n’a pas fonctionner alors pourquoi brusquement avec nous ca marcherait.
– Ouais si on regarde toute les révolutions qu’ont eu lieu dans le monde chacune en particulier n a pas toujours fonctionné mais … L important c est e qui reste en toi et va survivre et c est pareil pour les révoltes personnelles : ca te rend plus fort.

Alors quand on sait que le Hamas a été équipé par le Mossad
Faut pas s étonner que les temps de guerre aujourd’hui ne soient pas maussades,
Faudra bien un jour qu’ils payent, tous, pour les litres de sang versés
Faudra bien un jour qu’ils payent pour avoir détruit l’OLP,
CIA, al quaida, au final tous du même camp, celui de la croisade et
De la guerre qui saignent l’orient et l’occident
Faudra bien un jour qu’ils payent pour les morts de leurs dieux inexistants
Faudra bien que les coupables prennent plutôt que sans cesse les innocents

Faudra, faudra bien
Faudra, faudra bien qu’on regarde en face ce qu’on génère
Que les murs des prisons craquent!
Faudra, faudra bien, que les medias cessent de bercer notre confort en nous assenant des visions crades
Faudra, faudra bien que tu comprennes que c est normal qu’avec ces textes nés de temps de crise
On te braque
Faudra, faudra bien que tu flippes que cette pensée s’attise et que c’est dans ce but que tout ton bizz, on le brade.

Posted in Audio, Materiali, Politica, TeoriAE, Video.

Tagged with , , , , , , , .


Skalpel bonus track

VI faccio gustare un pezzo del mio “amico” Skalpel de La K-Bine, diventato ufficialmente il mio “inno”.

Communiste et libertaire, c’est comme ça faire!

Posted in Audio, DiARIO, Materiali, Politica, Tempi Moderni, TeoriAE.

Tagged with , , , , .


…prima di tornare alla “vecchia”!

Autore: WITHY
Pezzo: “Je suis”
Album: Musique de Métronom.
Anno: 2005

Sempre WITHY con
Crois pas
In ricordo dell’LP “Poussières d’étoiles”, 2010

bello anche il video

Un po’ più spinto:
Medine feat. Mino
Personne est innocente (Nessuno è innocente)
dall’omonimo album (2007?)

Posted in Audio, Materiali, Sociologia, Tempi Moderni, Video.

Tagged with , , , , , .


E ora un po’ di musica nuova…

La Semaine Sanglante (Les mauvais jours finiront)
cantata e riadattata da Les amis D’Ta Femme

Il refrain fa:
“Si ma!
Si ciurla nel manico Si esita, ma abbiamo la scelta!
I brutti giorni finiranno
E vai! alla riscossa!
Quando tutti i poveri ci si metteranno”

Bella versione ska di
A las Barricadas
cantata sempre dai Les amis D’Ta Femme

qui il testo per il karaoke!

+++JOLLY!!!

Ancora loro, Les Amis D’Ta Femme (ma quanti amici c’ha la tua ragazza??!!)

in La java des bons enfants, uno scanzonato inno all'(A).

Posted in Audio, Materiali, Politica, Video.

Tagged with , , , , , , .


Ricordo di un sogno d’inverno

“Scendemmo là, dove il giorno si perde
a cercarsi da solo nascosto tra il verde,
e lui parlò come quando si prega,
ed alla fine d’ogni preghiera
contava una vertebra della mia schiena.

“Le ombre lunghe dei sacerdoti
costrinsero il sogno in un cerchio di voci.
Con le ali di prima pensai di scappare
ma il braccio era nudo e non seppe volare:
poi vidi l’angelo mutarsi in cometa
e i volti severi divennero pietra,
le loro braccia profili di rami,
nei gesti immobili d’un altra vita,
foglie le mani, spine le dita.”

Voci di strada, rumori di gente,
mi rubarono al sogno per ridarmi al presente.

Sbiadì l’immagine, stinse il colore,
ma l’eco lontana di brevi parole
ripeteva d’un angelo la strana preghiera
dove forse era sogno ma sonno non era

E non c’entra niente la Madonna e Gesù Cristo…

Posted in DiARIO, In Caput Mea.

Tagged with .


Recensione / Questa volta il fuoco

More about Questa volta il fuocoQuesta storia mi ha fatto palpitare un po’.
In parte perchè scritta in una prima persona diretta, schietta, genuina. Da un ragazzo di provincia cresciuto nella piazza, sulle panchine, con la sua compagnia di amici un po’ fancazzisti e un po’ carogne.
Un po’ perchè questi giovani ribelli che credono e fanno politica più per sentimento che per profonda riflessione intellettuale sembrano davvero non esistere quasi più, anche nel fermento sociale che sta vivendo oggi il nostro paese.
Una storia semplice: un viaggio, di quelli che, ormai, si facevano una volta, in treno, verso una manifestazione immancabilmente nella Capitale. Che è Capitale, mica per qualcosa.
Un viaggio che racconta una storia.
E una storia che racconta delle vite tanto secondarie da essere speciali. Forse paradigmatiche.

Aldilà del finale (che non vi racconto, ma che rappresenta forse il piccolo desiderio covato da tanti), della politica e della gioventù, è lo stato mentale che suggerisce questo racconto ad avermi fatto immedesimare: quel momento, e ce ne sono stati tanti, in cui puoi, devi, in un certo senso, ripercorrere la tua vita per arrivare a spiegarlo, a te stesso prima che agli altri.

Posted in Creature, Materiali, Partenze, Politica, Riflessioni Personali, Tempi Moderni.

Tagged with , , , , , , , .


Recensione / Zona del silenzio

More about Zona del silenzioBellissimo fumetto sulla vicenda di Federico Aldrovandi, morto per mano di 4 poliziotti una notte qualsiasi a Ferrara.

E’ da notare come la necessità e la voglia di raccontare questa storia spinga l’autore, il giornalista di Liberazione Checchino Antonini, a ripercorrere anche quella che è la “sua” storia, non solo riguardo il caso Aldrovandi, che fu uno dei primi a seguire e portare al clamore delle cronache.
Antonini, ripercorrendo quel periodo di inchiesta, ci lascia entrare nella sua vita e ci racconta anche molto di sè.
Qualcuno potrebbe obiettare che vada “fuori tema”.
Per me invece è la riprova che raccontare è sempre a partire dai propri occhi, dai propri stati d’animo, dalle proprie alterne vicende che portano, un giorno qualsiasi, ad incrociare un blog su intenet, o un sito d’informazione alternativa e fare scattare la scintilla dell’intuito giornalistico ed umano.
Il passato non è mai banale quando le vicende che ci troviamo a raccontare ci toccano nel profondo.
Bellissimo fumetto sulla vicenda di Federico Aldrovandi, morto per mano di 4 poliziotti una notte qualsiasi a Ferrara.
E’ da notare come la necessità e la voglia di raccontare questa storia spinga l’autore, il giornalista di Liberazione Checchino Antonini, a ripercorrere anche quella che è la “sua” storia, non solo riguardo il caso Aldrovandi, che fu uno dei primi a seguire e portare al clamore delle cronache.Antonini, ripercorrendo quel periodo di inchiesta, ci lascia entrare nella sua vita e ci racconta anche molto di sè.Qualcuno potrebbe obiettare che vada “fuori tema”.Per me invece è la riprova che raccontare è sempre a partire dai propri occhi, dai propri stati d’animo, dalle proprie alterne vicende che portano, un giorno qualsiasi, ad incrociare un blog su intenet, o un sito d’informazione alternativa e fare scattare la scintilla dell’intuito giornalistico ed umano.

Il passato non è mai banale quando le vicende che ci troviamo a raccontare ci toccano nel profondo.

Posted in Creature, Materiali, Politica, Sociologia, Sosta (Vietata), Tempi Moderni.

Tagged with , , , , , , , .


Recensione / “È stato morto un ragazzo”, libro+DVD

More about È stato morto un ragazzo. Con DVD

Ancora una volta, la storia di Federico Aldrovandi.
Questa volta raccontata da un giornalista e un operatore professionisti, che fanno un ottimo lavoro di inchiesta ritracciando tutte le fasi della vicenda che vedrà 4 poliziotti condannati per la morte di un ragazzo, Federico.
Una brutta storia di cronaca di provincia che è diventata, grazie alla costanza e alla tenacia, anche di fronte all’aberrante chiusura e “spirito di corpo” della Polizia italiana, della familgia Aldrovandi, un “caso italiano”, per certi versi paradigmatico.
Prima con un misero blog, poi col supporto di amici e qualche giornalista illuminato, sono riusciti a non far cadere il silenzio intorno alla vicenda ed a strappare letteralmente un processo dal quale uscirà che i poliziotti intervenuti in via dell’Ippodromo, a Ferrara, hanno “morto” Federico a suon di botte, rompendogli addosso ben due manganelli.

Vendemmiati, con saggezza e senza sensazionalismo, annuncia infine la scoperta di una possibile nuova pista tutta da indagare sui motivi che portarono Federico, quella sera, ad “incontrare” proprio “quella” pattuglia, con “quei” poliziotti a bordo.
E il “mistero” delle “due voci”, udite nel giardinetto in fondo al vicolo dalla signora che chiamò la Questura quella sera: “Ci sono due nel parchetto che stanno urlando” – “Sono due, signora, è sicura” – “Beh, si, io non li vedo ma ho sentito due voci, uno urlava, sbraitava”.

Nel libro allegato al Dvd (che è il racconto principale) sono contenute infine le trascrizioni delle testimonianze, dei documenti e gli articoli e le lettere della mamma e del papa di Federico.

Posted in Creature, Materiali, Politica, Sociologia, Sosta (Vietata), Tempi Moderni.

Tagged with , , , , , , .